Atto Costitutivo dell’Associazione

L’anno 2013, il giorno 12, del mese di giugno i sottoscritti signori:

Pisani Bruno, nato a Vibo Valentia il 12.01.1957, residente a Vibo Valentia in viale della Pace sncn, codice fiscale PSNBRN57A12F537Y, professione medico ospedaliero-neuropsichiatra

Rotella Antonella, nata a Mileto (VV) il 13.06.1968, residente a Mileto in via Kennedy n.5, codice fiscale RTLNNL68H53F207Y, professione direttrice casa di riposo per anziani

Caterina Inzillo, nata a Vibo Valentia il 14.08.1959, residente a Vibo Valentia in via Cavour n.55, codice fiscale NZLCRN59M54F537I, professione avvocato

Borrello Serafina, nata a Vibo Valentia il 18.04.1965, residente a Vibo Valentia in viale della Pace n.8, codice fiscale BRLSFN65D58F537Y, professione medico

Pisani Michele, nato a Soriano il 05.01.1989, residente a Vibo Valentia in viale della Pace sncn, codice fiscale PSNMHL89A05I854I, professione studente

convengono e deliberano di costituire l’Associazione di volontariato ai sensi della L. 266/91 e della L.R. n. 33 12 luglio 2012 denominata “Mi.Pi.Aci”

LA sede dell’Associazione è stabilita in Vibo Valentia, via F. Barreca n.4

L’associazione ha per scopo quello di:

intervenire nei contesti familiari nel cui ambito vivono persone malate, disabili o non autosufficienti, specie se tali nuclei vivono in condizioni di povertà estrema e marginalità, in particolare fornire assistenza globale (medica, sociale, educazionale, legale, domiciliare) ai soggetti con disturbi psicologici e psichiatrici ed alle loro famiglie. I soci approvano e dichiarano di accettare lo Statuto dell’Associazione, che viene allegato con lettera”A”, al presente atto come parte integrante e sostanziale.

I soci fondatori costituiscono il primo nucleo dei soci effettivi. Gli stessi, riuniti in assemblea, eleggono il Consiglio Direttivo dell’Associazione per il primo anno, nelle perone dei signori:

Bruno Pisani

Antonella Rotella

Caterina Inzillo

I suddetti consiglieri eleggono alla carica di Presidente il Dott. Bruno Pisani, alla carica di Vice Presidente la Sig.ra Antonella Rotella ed alla carica di Segretario la Sig.ra Caterina Inzillo, i quali dichiarano di accettare la carica.

Gli organismi così costituiti rimarranno in carica fino alla prossima assemblea elettiva. trattandosi di associazione di volontariato costituita esclusivamente per fini di solidarietà, si chiede l’esenzione dei bolli e dalle imposte di registro ai sensi della L. n. 266/1991. Il Dott. Bruno Pisani viene incaricato da tutti i componenti il Consiglio Direttivo, a compiere le pratiche e le formalità ritenute necessarie per la registrazione del presente atto.

La policy di condotta verso i minori

Logo Associazione

L’Associazione Mi.Pi.Aci segue una politica di protezione per i bambini, bambine ed adolescenti.

Il personale dell’Associazione Mi.Pi.Aci , i suoi rappresentanti e il personale di organizzazioni Partner dovranno sempre dimostrare i più alti standard di comportamento nei confronti di bambine/i  e adolescenti , così come indicati nella presente Policy sulla tutela di bambini, bambine e adolescenti.

Tali standard si applicano sia alla vita privata che a quella professionale del personale e di chiunque altro svolga attività nell’Associazione.

L’Associazione Mi.Pi.Aci assume i seguenti impegni:

  • Si impegna ad assicurare che tutto il personale dell’Associazione ed il personale di organizzazioni partner siano consapevoli delle problematiche legate all’abuso e allo sfruttamento dei minori ed ai rischi a questo connessi
  • Si impegna ad assicurare che il personale dell’Associazione e di organizzazioni Partner minimizzano i rischi al fine di prevenire eventuali danni su minori. Si dovrà creare un ambiente in cui i diritti dei minori siano sempre tutelati e i possibili abusi prevenuti.
  • Si impegna ad assicurare che il personale dell’Associazione ed il personale di organizzazioni Partner abbiano chiaro quando è necessario segnalare un sospetto di possibile abuso e quali azioni intraprendere.
  • Si impegna ad assicurare un intervento efficace in risposta ad ogni segnalazione di abuso supportando, tutelando e proteggendo il minore coinvolto.

Questa Policy incluse requisiti obbligatori che si applicano a tutti gli aspetti e ambiti del lavoro della Mi.pi.Aci : raccolta fondi, azioni di sensibilizzazione, campagne, attività di comunicazione, progetti di sviluppo e di emergenza.

Il personale della Mi.Pi.Aci, il personale di organizzazioni Partner ed i loro rappresentanti dovranno agire in accordo con questa Policy, sia nella vita professionale che in quella privata.

I seguenti criteri vogliono definire i livelli minimi di riferimento per un appropriata implementazione della Policy.

  1. Si garantisce un’ampia diffusione della Policy che deve includere necessariamente il personale della Mi.Pi.Aci, i suoi volontari e il personale di organizzazioni Partner. La diffusione è gestita in modo da assicurare che la Policy sia pienamente compresa; a tal fine può prevedersi l’utilizzo di traduzioni nella lingua dei beneficiari.
  2. L’assunzione e la selezione del personale, di altri collaboratori o volontari deve riflettere l’impegno della Mi.Pi.Aci per la tutela dei bambini, delle bambine e degli adolescenti, garantendo che siano adottate comunicazioni, controlli e procedure per escludere chiunque non sia idoneo a lavorare con minori. I candidati selezionati sono avvertiti della natura vincolante della Policy e del fatto che questo si applica sia alla vita professionale che a quella privata.
  3. La Policy deve riflettersi in ogni disposizione sia sulle risorse umane sia sulla gestione generale per indirizzare lo staff nella conduzione del proprio lavoro. La mancata osservanza degli aspetti concernenti alla Policy indicati in ciascuna di queste disposizioni deve essere considerata una grave violazione disciplinare.
  4. Tutte le attività realizzate dall’Associazione Mi.Pi.Aci, dai progetti di sviluppo alle attività di comunicazione, che coinvolgono bambini, bambine o adolescenti devono essere preventivamente valutate, per garantire che qualsiasi rischio per la tutela dei minori sia identificato e siano sviluppati sistemi di controllo adeguati.
  5. Il personale Mi.Pi.Aci, i suoi volontari ed il personale di organizzazioni Partner devono essere supportati nello sviluppo di competenze. Le informazioni di base della Policy devono essere incluse nella formazione iniziale e continuativa del personale.
  6. Tutti gli accordi tra l’Associazione Mi.Pi.Aci e le organizzazioni Partner devono includere clausole sulla Policy. Le organizzazioni Partner devono adottare la presente Policy o averne sviluppate di proprie che abbiano un approccio e degli standard simili. Gli accordi coi Partner devono evidenziare in modo chiaro le procedure con